World on bike

World on Bike Free Time,
la vocazione al ciclismo totale

U

na vera e propria Scuola di Ciclismo per i bambini e i ragazzi dai 5 ai 15 anni, ma soprattutto un modo nuovo di insegnare e vivere la bicicletta. Il progetto World on Bike nasce nel 2009 dalla collaborazione tra il Velodromo Francone e il prestigioso Gruppo Sportivo Brunero e si arricchisce ulteriormente nel 2017 grazie alla collaborazione con il Gruppo Free Time.

 

L’aspetto veramente innovativo è che con il World on Bike Free Time il Velodromo Francone interpreta un ciclismo “totale”, portando in Italia, per la prima volta, una mentalità e un metodo collaudati in Europa ma che mai erano riusciti a fare breccia nella formazione sportiva del nostro Paese.

 

Il principio è assecondare la gioia dei piccoli che salgono in sella e insegnare loro ad andare in bicicletta. Sembra banale, ma non lo è. Insegnare ai ragazzi ad andare in bicicletta vuol dire insegnare loro tutto: la pista, la strada, la mountain bike, il ciclocross, la gimcana. Vuol dire trasmettere la perfetta padronanza del mezzo, rendere complementari le diverse specialità, acquisendo abilità, equilibrio, tecnica. Un modo di crescere intenso ma graduale, per poi assecondare il talento di ciascuno indirizzandolo verso l’una o l’altra specialità. Una realtà che contribuisce a fare del Velodromo Francone un mondo sempre più strutturato e completo, tanto che nel 2013 ottiene dalla Federazione Ciclistica Italiana il riconoscimento ufficiale di Scuola Nazionale di Ciclismo.

News

WORLD ON BIKE FREE TIME TRA BILANCI E PROGETTI

Dopo il successo di Bici a Scuola, pronte nuove attività formative presso gli istituti del territorio

IN PISTA CON L’ASSESSORE ALLO SPORT DELLA REGIONE PIEMONTE

Sfida all'ultimo respiro con il presidente del Velodromo Francone Giacomino Martinetto

Vacanze finite, riapre il Centro Pista

Dal 3 settembre per le categorie Giovanissimi, Esordienti e Allievi

Tutti i risultati dei Campionati Italiani Giovanili

Per la storia, gli archivi, i tecnici e... per chi non si perde un numero

Terminati i Campionati Italiani Giovanili

Lombardia “cannibale” porta a casa 16 medaglie